Indietro
ABBONAMENTI

*Lavazza non è affiliata, né approvata o sponsorizzata da Nespresso.

**Nescafè®, Dolce Gusto® e Melody I sono marchi di terzi senza alcun collegamento con Luigi Lavazza S.p.A.

LAVAZZA STORIES

*Lavazza non è affiliata, né approvata o sponsorizzata da Nespresso.

**Nescafè®, Dolce Gusto® e Melody I sono marchi di terzi senza alcun collegamento con Luigi Lavazza S.p.A.

 caffè arabico  caffè arabico

Arabica e Robusta: le specie di chicchi di caffè più coltivate

A cura del Team Lavazza 2/3 minuti

La maggior parte delle volte che ordiniamo un caffè o lo prepariamo a casa, non facciamo caso al fatto che ne esistono tante varietà diverse e quella che ci accingiamo a bere è solo una tra queste. Queste diverse qualità racchiudono un’ampia gamma di gusti, profumi e note aromatiche diverse. Quello conosciuto come Arabica è di gran lunga il chicco più diffuso e rinomato oggi utilizzato, con una copertura pari a circa il 70% dell’intera produzione mondiale e contraddistingue la cosiddetta miscela Arabica.


Cos’è il caffè Arabica

Il caffè Arabica è da considerarsi il primo caffè nato e sviluppatosi in una forma che potesse essere consumata dall’uomo. Risalente al 1000 a. C., ha origine dal Regno di Kefa, situato nell’odierna Etiopia, nell’Africa subsahariana. La tribù Oromo fu la prima a scoprire e a schiacciare il chicco, mescolandolo con un grasso usato come forma di stimolazione prima di consumarlo.

Gli studiosi arabi furono invece i primi a riportare in forma scritta l’uso di tostatori di caffè in grani, la cui utilità veniva apprezzata perché consentiva di prolungare l’orario di lavoro e aiutava a rimanere svegli. Dopo l’invasione dei Turchi nel 1583, i chicchi di caffè si diffusero nel mondo egizio e, successivamente, tra le potenze europee dell’epoca. L’Arabica è oggi considerata in tutto il mondo come la qualità di caffè più popolare e consumata.

Tuttavia, ci deve essere un motivo per cui è conosciuta come la varietà più preziosa e ampiamente coltivata. Essendo molto delicata, questa pianta ha bisogno di crescere a un’altitudine compresa tra i 600 e i 2000 metri (tantomeglio se la quota è maggiore) e richiede piogge regolari, poiché sono queste ultime a determinare in modo decisivo il ritmo di crescita delle piante.

Questo è il motivo per cui il caffè Arabica cresce lungo tutta la fascia tropicale equatoriale. Non sorprende quindi che i maggiori produttori si trovino in Centro e Sud America e in diversi territori africani e asiatici.

chicchi Arabica
chicchi Arabica

L’originalità del caffè Arabica

Che cos’ha di così speciale il caffè Arabica? Che cosa ne caratterizza il gusto unico e distintivo rispetto alle altre varietà di caffè? Perché è generalmente più costoso e se ne ha una percezione di qualità superiore? Innanzitutto, per il gusto e il profumo inconfondibili: i chicchi di caffè Arabica di alta qualità presentano un aroma ricco, avvolgente e assolutamente fragrante, con sfumature leggermente dolci e acidule.

Come sono i chicchi di Arabica? In termini di forma, sono allungati e ovoidali e presentano un solco piuttosto superficiale ma sinuoso, pur contenendo meno caffeina rispetto alla Robusta e ad altre varietà.

L’altra caratteristica chiave dell’Arabica è anche uno dei suoi tratti più importanti e caratteristici: la delicatezza. Trattandosi della varietà di caffè di gran lunga più delicata e morbida, non c’è dubbio che debba essere trattata con processi, temperature e tempi di tostatura adeguati. Un altro fattore che rende il caffè Arabica più desiderabile e prestigioso rispetto alle altre tipologie è proprio legato alla minore rusticità delle piante, caratteristica che ne rende più costoso l’approvvigionamento. È anche maggiormente sensibile ai parassiti e, come già detto, ha bisogno di condizioni climatiche specifiche, tra cui terreni a bassa acidità, precipitazioni regolari e distribuite nel corso dell’anno e una temperatura media di circa 20° ‏C.


La miscela di caffè Arabica

Cosa significa Arabica? La maggior parte delle miscele di caffè viene preparata utilizzando Arabica o Robusta e, nella maggior parte dei casi, combinandole in una miscela basata su rapporti diversi.  Con un contenuto di caffeina fondamentalmente superiore a qualsiasi altra variante di caffè, i chicchi di Robusta ne contengono generalmente più del doppio rispetto a quelli di Arabica. In effetti, la caffeina ha di per sé un sapore amaro, alcalino e leggermente saponoso, che si manifesta durante il processo di miscelazione quando si aggiunge la Robusta, dando luogo a un leggero sapore di bruciato. Al contrario, l’Arabica contiene molta meno caffeina e, di conseguenza, produce un sapore più morbido e gradevole, con minori note di amaro.

La miscela di queste due varietà ha lo scopo di combinare le loro caratteristiche migliori, permettendo di ottenere un sapore ricco, intenso e complesso, che è possibile ritrovare e apprezzare nella consistenza dell’espresso. Tuttavia, il suo sapore dipende indiscutibilmente da molti processi e fattori, poiché non esiste un altro prodotto che abbia così tanti sapori e sfumature differenti come il caffè.

Come accennato, pur essendo varietà della stessa pianta, l’Arabica e la Canephora (nome scientifico della Robusta) hanno caratteristiche molto diverse , grazie alle quali i miscelatori di caffè danno vita alle peculiarità e alla fragranza di ciascuna miscela, a seconda del rapporto Arabica/Robusta che stabiliscono.

Mentre la Robusta ha tendenza all’amaro, con un sapore forte e più intenso, i chicchi di Arabica, più ricchi e aromatici, possono conferire una nota piacevole e saporita. Tuttavia, il risultato finale dipende anche da molti fattori, come la qualità dei grani e la loro tostatura.


SPEDIZIONE VELOCE

Ordina online e ricevi a casa tua entro 3 giorni lavorativi.

PIACERE LAVAZZA

L' App che premia la tua passione per il caffè con fantastici premi!

SERVIZIO CLIENTI​

Hai bisogno di aiuto?​

Controlla le nostre FAQ o contattaci via chatbot o al  800 124 535.

LAVAZZA DA TE TI PREMIA​

Un mondo di benefit e offerte speciali su misura per te.